top of page
  • Immagine del redattoreWahu Srl

5 dritte per una camminata efficace

Aggiornamento: 14 dic 2023

Le vacanze sono finite e volete ricominciare ad allenarvi? Una buona soluzione è cominciare a praticare la camminata come vero e proprio allenamento.

Vediamo in questo articolo 5 dritte per praticare una camminata efficace, naturalmente meglio se con le WAHU ai tuoi piedi 😉


donna che cammina al tramonto
(Credits: tirachard - Freepik)

1- La velocità è importante

Prima di tutto non dobbiamo confondere una camminata con una passeggiata. Una differenza fra le due è sicuramente la velocità. Si può parlare di camminata se la velocità è compresa fra i 5 Km/h e i 10 Km/h, mentre al di sotto è una semplice passeggiata. Quindi, se vogliamo ottenere dei buoni risultati è consigliabile camminare a ritmo spedito. Ma non preoccupatevi, 5 Km/h non è tanto come sembra, chiunque riesce a farcela!


2- È importante cambiare percorso e terreno

Camminare ogni giorno, facendo lo stesso percorso e sullo stesso terreno, è sicuramente noioso e poco stimolante. Per questo è importante cambiare spesso, se non giorno per giorno, tanto il percorso quanto il terreno. Asfalto, sterrato, erba, anche qualche leggero saliscendi, aiuta a migliorare l’equilibrio.


3- La tecnica fa la differenza

Per raggiungere le velocità sopra citate e ottenere i benefici desiderati, è importante tenere in considerazione che la tecnica fa la differenza, soprattutto quella dell’appoggio del piede.

Il movimento del piede, infatti, si divide in 4 momenti consequenziali di appoggio:

1. appoggio di tacco,

2. appoggio di pianta piena,

3. appoggio della parte anteriore del piede,

4. appoggio di punta.

In poche parole, si tratta di fare una bella rullata con il piede, che appoggia il tallone, rulla lungo tutta la pianta e spinge fino a che la punta non è a contatto con il suolo.


4- Le braccia danno il ritmo

Vi starete chiedendo, cosa c’entrano le braccia con la camminata? Le braccia danno il ritmo! Non appena si accelera un po’, le braccia tendono naturalmente a piegarsi al gomito ad angolo retto, e ad oscillare in alternanza coordinata alle gambe, per dare ritmo, equilibrio e fluidità al ritmo del cammino.


5- La continuità è tutto per una camminata efficace

La regola numero uno è: meglio poco tutti i giorni che tanto ogni tanto. Continuità e regolarità nella pratica nel tempo sono le parole d’ordine per far divenire la camminata parte integrante di uno stile di vita. Per ottenere miglioramenti e risultati in termini di benessere dalla camminata occorre avere stimoli continui e ripetuti, perché gli stimoli occasionali non sono in grado di produrre risultati rilevanti sia sotto il profilo fisico sia mentale.


E dopo questi piccoli suggerimenti siete pronti per cominciare? 😉

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page